Spazi, suoni e lingue nel romanzo "di Napoli”