«Conquiste altissime» ed «abissi spaventosi». La modernità secondo Luzi