L'intervento riguarda un inquadramento del fenomeno camorristico visto come violenza (in senso ampio) organizzata all’interno dei rapporti economici e sociali. La critica verte inizialmente sul concetto di gruppo camorrista chiuso (e per estensione di gruppo mafioso). La camorra in particolare, è fenomeno difficilmente comprensibile facendo riferimento al concetto di gruppo così come prevale nella letteratura criminologica e nel mainstream del “racconto” sulle mafie. Si configura invece, a parte alcune eccezioni in particolari fasi storiche, come fenomeno di rete aperto, organizzato su ampi fronti parentali, che si forma per genesi successive all’interno del tessuto sociale ed economico dei territori sulla base di rapporti negoziali oltre che impositivi. Non è un caso che si diffonda inizialmente nelle province costiere della regione campania più densamente popolate e caratterizzate da vivacità economica. Ne discende, e ne è una prova, il fatto che i meccanismi di espansione dei network camorristici in altre regioni del centro e del nord Italia avvengano principalmente per via economica. In definitiva l'intervento ruota intorno alla dimensione economica, a valere nei mercati legali e illegali, dei gruppi di camorra.

Gruppi mafiosi, territori e attività

BRANCACCIO, LUCIANO
2015

Abstract

L'intervento riguarda un inquadramento del fenomeno camorristico visto come violenza (in senso ampio) organizzata all’interno dei rapporti economici e sociali. La critica verte inizialmente sul concetto di gruppo camorrista chiuso (e per estensione di gruppo mafioso). La camorra in particolare, è fenomeno difficilmente comprensibile facendo riferimento al concetto di gruppo così come prevale nella letteratura criminologica e nel mainstream del “racconto” sulle mafie. Si configura invece, a parte alcune eccezioni in particolari fasi storiche, come fenomeno di rete aperto, organizzato su ampi fronti parentali, che si forma per genesi successive all’interno del tessuto sociale ed economico dei territori sulla base di rapporti negoziali oltre che impositivi. Non è un caso che si diffonda inizialmente nelle province costiere della regione campania più densamente popolate e caratterizzate da vivacità economica. Ne discende, e ne è una prova, il fatto che i meccanismi di espansione dei network camorristici in altre regioni del centro e del nord Italia avvengano principalmente per via economica. In definitiva l'intervento ruota intorno alla dimensione economica, a valere nei mercati legali e illegali, dei gruppi di camorra.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11588/630166
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact