Il testo si interroga sulla difficoltà di Pensare la vastità del potere umano, per evidenziare il persistente décalage tra eventi e interpretazioni Propone come <<bussole della modernità>> l’autonomia e il relativo. Riflette infine sulla riscrittura del «palinsesto della vita» chiamando in causa le biotecnologie e la transizione dalla neutralità alla responsabilità della scienza.

Le frontiere mobili del possibile. Tra scienza ed ethos

D'ANTUONO, EMILIA
2014

Abstract

Il testo si interroga sulla difficoltà di Pensare la vastità del potere umano, per evidenziare il persistente décalage tra eventi e interpretazioni Propone come <> l’autonomia e il relativo. Riflette infine sulla riscrittura del «palinsesto della vita» chiamando in causa le biotecnologie e la transizione dalla neutralità alla responsabilità della scienza.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11588/602019
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact