«La continuità e la mobilità del tutto»: classici latini interpretati da Italo Calvino