Estrema attenzione è dedicata dai Maestri di Strada alla cura degli adulti che si occupano dei giovani, dunque alla cura degli insegnanti: riconoscendone empaticamente e cognitivamente il disagio, che ha origine nella società e nell’istituzione, che produce difese più o meno strutturate, si offre loro uno spazio di pensiero di gruppo nel quale provare a sentirsi meno soli ed a riflettere sui vari aspetti delle relazioni educative nelle quali si è implicati, secondo un preciso approccio,: il gruppo “multivisione”, ispirato alla metodologia di Balint (1957) e utilizzato anche da altri con insegnanti (Pergola, 2010). In 6 città sono stati organizzati 2 weekend di formazione, in autunno e in primavera, con lezioni frontali e 6 incontri di gruppo multivisione, guidati da uno psicologo conduttore. Gli incontri si sono svolti alla presenza di un osservatore non partecipante, che ha steso in seguito un resoconto narrativo. I 500 partecipanti, suddivisi in gruppi composti da massimo 15 elementi, eterogenei per genere (M/F), professione (insegnanti/educatori) ed anni di esperienza, si sono incontrati complessivamente per 12 h (6 incontri di 2h). Il corpus cei resoconti narrativi è stato sottoposto ad analisi testuale di tipo categoriale, tramite il software Atlas.ti (Muhr, 1993). Qui si presentano i primi risultati relativi a due città, Napoli e Roma.

Il gruppo multivisione come risorsa per gli insegnanti: dal singolare al plurale

Iorio I.;MENNA, PALMA;PARRELLO, SANTA;ZACCARO, ANTONELLA
2014

Abstract

Estrema attenzione è dedicata dai Maestri di Strada alla cura degli adulti che si occupano dei giovani, dunque alla cura degli insegnanti: riconoscendone empaticamente e cognitivamente il disagio, che ha origine nella società e nell’istituzione, che produce difese più o meno strutturate, si offre loro uno spazio di pensiero di gruppo nel quale provare a sentirsi meno soli ed a riflettere sui vari aspetti delle relazioni educative nelle quali si è implicati, secondo un preciso approccio,: il gruppo “multivisione”, ispirato alla metodologia di Balint (1957) e utilizzato anche da altri con insegnanti (Pergola, 2010). In 6 città sono stati organizzati 2 weekend di formazione, in autunno e in primavera, con lezioni frontali e 6 incontri di gruppo multivisione, guidati da uno psicologo conduttore. Gli incontri si sono svolti alla presenza di un osservatore non partecipante, che ha steso in seguito un resoconto narrativo. I 500 partecipanti, suddivisi in gruppi composti da massimo 15 elementi, eterogenei per genere (M/F), professione (insegnanti/educatori) ed anni di esperienza, si sono incontrati complessivamente per 12 h (6 incontri di 2h). Il corpus cei resoconti narrativi è stato sottoposto ad analisi testuale di tipo categoriale, tramite il software Atlas.ti (Muhr, 1993). Qui si presentano i primi risultati relativi a due città, Napoli e Roma.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11588/587023
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact