Il «geroglifico» Dossi e la «difficile facilità» di Manzoni e Rovani