L'ultimo Ungaretti: inverosimiglianza e parole estranee