Edizione con commento critico e linguistico della prima raccolta di novelle di Matilde Serao precedentemente pubblicate in riviste : la raccolta, edita nel 1879, fu più volte ristampata con cambiamenti e riduzioni nell'ordine delle novelle e nei titoli, anche della stessa raccolta. Il testo di base dell'edizione è quello del 1890, l'ultima edita con il consenso dell'autrice. Nella Nota al testo si dà conto analiticamente della storia delle edizioni e delle varianti delle novelle in rivista. Nel saggio introduttivo Ritratti e parole dal vero (pp. V-XXVII) si analizzano i meccanismi compositivi della Serao, la sua rielaborazione del "bozzetto" e la necessità di variare la tessitura delle novelle in rapporto ai diversi ambienti descritti. La giovane Serao, attenta ai fermenti culturali e alle tendenze della narrativa italiana e francese, sembra farsi un personale modello di stile e di lingua basato sulla misura della competenza comunicativa e delle aspettative del suo pubblico, pur conservando a tratti, per inerzia o per aspirazione a un innalzamento di registro, forme letterarie già desuete. Per altro la scrittrice in questa raccolta riecheggia "dal vero" la lingua dell'uso del suo tempo, dall'italiano regionale ai franceslsmi della conversazione mondana ai neologismi sino a tecnicismi settoriali. L'analisi linguistica, in particolare delle scelte lessicali e della sintassi, mette in rilievo anche sul piano linguistico la compattezza e l'originalità delle soluzioni linguistiche di questa raccolta in cui la Serao formula in chiave moderna il ruolo della figura femminile come protagonista e come lettrice di novelle.

Matilde Serao, "Dal vero"

BIANCHI, PATRICIA
2000

Abstract

Edizione con commento critico e linguistico della prima raccolta di novelle di Matilde Serao precedentemente pubblicate in riviste : la raccolta, edita nel 1879, fu più volte ristampata con cambiamenti e riduzioni nell'ordine delle novelle e nei titoli, anche della stessa raccolta. Il testo di base dell'edizione è quello del 1890, l'ultima edita con il consenso dell'autrice. Nella Nota al testo si dà conto analiticamente della storia delle edizioni e delle varianti delle novelle in rivista. Nel saggio introduttivo Ritratti e parole dal vero (pp. V-XXVII) si analizzano i meccanismi compositivi della Serao, la sua rielaborazione del "bozzetto" e la necessità di variare la tessitura delle novelle in rapporto ai diversi ambienti descritti. La giovane Serao, attenta ai fermenti culturali e alle tendenze della narrativa italiana e francese, sembra farsi un personale modello di stile e di lingua basato sulla misura della competenza comunicativa e delle aspettative del suo pubblico, pur conservando a tratti, per inerzia o per aspirazione a un innalzamento di registro, forme letterarie già desuete. Per altro la scrittrice in questa raccolta riecheggia "dal vero" la lingua dell'uso del suo tempo, dall'italiano regionale ai franceslsmi della conversazione mondana ai neologismi sino a tecnicismi settoriali. L'analisi linguistica, in particolare delle scelte lessicali e della sintassi, mette in rilievo anche sul piano linguistico la compattezza e l'originalità delle soluzioni linguistiche di questa raccolta in cui la Serao formula in chiave moderna il ruolo della figura femminile come protagonista e come lettrice di novelle.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
dal vero.pdf

accesso aperto

Descrizione: M. Serao, Dal Vero a cura di P. Bianchi
Licenza: Dominio pubblico
Dimensione 20.65 MB
Formato Adobe PDF
20.65 MB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11588/177140
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact