La realizzazione di una fermata della linea Alta Velocità in prossimità della cittadina di Grottaminarda, già baricentro del sistema di piccoli centri a ridosso della valle del fiume Ufita, insieme al corollario sistema di mobilità leggera, people mover, si pongono come pretesto per scoprire la cittadina da un punto di vista alternativo a quello proposto dai consolidati itinerari di accesso alla città. Il caso studio di Grottaminarda, nelle modalità attraverso ha rappresentato l’occasione di sperimentare, attraverso lo spostamento dello sguardo, quell’esperienza di riconoscimento e scoperta che, nell’elidere il rischio di reiterare identità cristallizzate ed asfittiche, individua nuove gerarchie che assorbono, generando a loro volta, movimento.

Spostamenti. Pulsione, Metodo, Tema

P. Galante
2019

Abstract

La realizzazione di una fermata della linea Alta Velocità in prossimità della cittadina di Grottaminarda, già baricentro del sistema di piccoli centri a ridosso della valle del fiume Ufita, insieme al corollario sistema di mobilità leggera, people mover, si pongono come pretesto per scoprire la cittadina da un punto di vista alternativo a quello proposto dai consolidati itinerari di accesso alla città. Il caso studio di Grottaminarda, nelle modalità attraverso ha rappresentato l’occasione di sperimentare, attraverso lo spostamento dello sguardo, quell’esperienza di riconoscimento e scoperta che, nell’elidere il rischio di reiterare identità cristallizzate ed asfittiche, individua nuove gerarchie che assorbono, generando a loro volta, movimento.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11588/903583
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact