Il contributo inquadra le politiche energetiche europee e di contrasto al cambiamento climatico basate su due direttrici principali: efficienza energetica ed utilizzo della leva fiscale incentivante . Dall'analisi nazionale e sovranazionale degli interessi perseguiti e dalla direzione tracciata dalle policies europee emerge la necessità di valorizzare il ruolo della fiscalità di vantaggio sia per consolidare l’attuale sistema delle agevolazioni fiscali relative ad interventi di efficienza energetica sia per promuovere la decentralizzazione della produzione di energia elettrica mediante le nuove configurazioni di sistema dell’autoconsumo collettivo e delle comunità di energia rinnovabile. Nell'ambito di questa strategia energetica europea è possibile, quindi, individuare nuovi soggetti giuridici e nuovi scenari in cui le comunità di energia rinnovabile possono ricoprire un ruolo determinante nell’accelerazione del processo di transizione energetica. Aumentando il decentramento della produzione energetica, sempre più individui e aziende sono in grado di svolgere un ruolo attivo nel sistema energetico. Ciò consente di sfruttare al meglio le opportunità legate alla generazione distribuita nell’ottica di massimizzarne l’autoconsumo (sia per conseguire maggiori benefici di rete che per garantire ritorni economici) e di produrre vantaggi sul territorio (ad esempio la riduzione delle emissioni e l’uso di fonti energetiche locali).

La fiscalità di vantaggio nelle politiche europee sul clima fra efficienza energetica e comunità di energia rinnovabile

Gabriella De Maio
2022

Abstract

Il contributo inquadra le politiche energetiche europee e di contrasto al cambiamento climatico basate su due direttrici principali: efficienza energetica ed utilizzo della leva fiscale incentivante . Dall'analisi nazionale e sovranazionale degli interessi perseguiti e dalla direzione tracciata dalle policies europee emerge la necessità di valorizzare il ruolo della fiscalità di vantaggio sia per consolidare l’attuale sistema delle agevolazioni fiscali relative ad interventi di efficienza energetica sia per promuovere la decentralizzazione della produzione di energia elettrica mediante le nuove configurazioni di sistema dell’autoconsumo collettivo e delle comunità di energia rinnovabile. Nell'ambito di questa strategia energetica europea è possibile, quindi, individuare nuovi soggetti giuridici e nuovi scenari in cui le comunità di energia rinnovabile possono ricoprire un ruolo determinante nell’accelerazione del processo di transizione energetica. Aumentando il decentramento della produzione energetica, sempre più individui e aziende sono in grado di svolgere un ruolo attivo nel sistema energetico. Ciò consente di sfruttare al meglio le opportunità legate alla generazione distribuita nell’ottica di massimizzarne l’autoconsumo (sia per conseguire maggiori benefici di rete che per garantire ritorni economici) e di produrre vantaggi sul territorio (ad esempio la riduzione delle emissioni e l’uso di fonti energetiche locali).
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11588/899302
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact