The Knight of the Burning Pestle di Francis Beaumont, commedia scritta per il Blackfriars Theatre, rappresentata per la prima volta fra il 1607 e il 1608 e stampata in quarto nel 1613, è un’opera estremamente innovativa, che al lettore e allo spettatore di oggi appare in diverse sezioni di una modernità sorprendente. Il saggio ne analizza i momenti salienti per metterne in luce le sovrapposizioni di comico e tragico e le commistioni di temi, forme e stili che in più di un caso permettono di definire l’opera di uno sperimentalismo estremo.

Sperimentalismo elisabettiano: The Knight of the Burning Pestle di Francis Beaumont.

Angela Leonardi
2022

Abstract

The Knight of the Burning Pestle di Francis Beaumont, commedia scritta per il Blackfriars Theatre, rappresentata per la prima volta fra il 1607 e il 1608 e stampata in quarto nel 1613, è un’opera estremamente innovativa, che al lettore e allo spettatore di oggi appare in diverse sezioni di una modernità sorprendente. Il saggio ne analizza i momenti salienti per metterne in luce le sovrapposizioni di comico e tragico e le commistioni di temi, forme e stili che in più di un caso permettono di definire l’opera di uno sperimentalismo estremo.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11588/899155
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact