L’America Latina costituì una terra di accoglienza per il fuoriuscitismo italiano durante tutto il lungo XIX secolo. Tra il 1789 ed il 1898, circa un migliaio di individui – avventurieri bonapartisti, intellettuali di formazione liberale, esuli democratici e repubblicani, volontari in armi, combattenti garibaldini – lasciarono le coste della penisola italiana per trasferirsi oltreoceano, dalle isole caraibiche alle regioni andine, dal Brasile alla Terra del Fuoco. Qui, seguendo una molteplicità di percorsi di mobilità individuale e collettiva, furono coinvolti nelle rivoluzioni in corso, presero parte alle guerre d’indipendenza, parteciparono alla costruzione dei nuovi stati-nazione. La loro esperienza biografica, inserita all’interno di un ampio movimento trans-atlantico, sviluppò meccanismi di politicizzazione internazionale, influenzò la formazione ideologica dei nuovi patriottismi mondiali e portò alla nascita di comunità politiche trans-nazionali. Gli uomini che si mossero tra Vecchio Continente e Nuovo Mondo trasformarono lo spazio atlantico in una "community of experiences"

Avventurieri, esuli e volontari in armi. Gli italiani in America Latina, 1789-1898

BONVINI A
2017

Abstract

L’America Latina costituì una terra di accoglienza per il fuoriuscitismo italiano durante tutto il lungo XIX secolo. Tra il 1789 ed il 1898, circa un migliaio di individui – avventurieri bonapartisti, intellettuali di formazione liberale, esuli democratici e repubblicani, volontari in armi, combattenti garibaldini – lasciarono le coste della penisola italiana per trasferirsi oltreoceano, dalle isole caraibiche alle regioni andine, dal Brasile alla Terra del Fuoco. Qui, seguendo una molteplicità di percorsi di mobilità individuale e collettiva, furono coinvolti nelle rivoluzioni in corso, presero parte alle guerre d’indipendenza, parteciparono alla costruzione dei nuovi stati-nazione. La loro esperienza biografica, inserita all’interno di un ampio movimento trans-atlantico, sviluppò meccanismi di politicizzazione internazionale, influenzò la formazione ideologica dei nuovi patriottismi mondiali e portò alla nascita di comunità politiche trans-nazionali. Gli uomini che si mossero tra Vecchio Continente e Nuovo Mondo trasformarono lo spazio atlantico in una "community of experiences"
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
BONVINI A, Storie in corso 2017 – XII workshop nazionale dottorandi di storia contemporanea.pdf

accesso aperto

Tipologia: Versione Editoriale (PDF)
Licenza: Dominio pubblico
Dimensione 2.72 MB
Formato Adobe PDF
2.72 MB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11588/899038
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact