Una ricostruzione critica dell’attuale orientamento giurisprudenziale in tema di responsabilità contrattuale sanitaria. La Terza Sezione della Cassazione, non osservando i dicta di due importanti sentenze delle Sezioni unite, e senza rimettere la questione ai sensi dell'art. 374, comma 3, c.p.c., opera un’indebita confusione tra le discipline dell’inadempimento (ex art. 1218 c.c.) e della responsabilità delittuale per colpa (art. 2043 c.c.) e fa gravare sul creditore, pur limitatamente alle obbligazioni di facere professionale, la prova dell’“inadempimento” e del rapporto di causalità materiale con il danno-evento, accollando a questi il rischio della causa incerta e/o ignota. Tale orientamento, censurato dalla quasi totalità della dottrina, frantuma l’unitarietà del diritto delle obbligazioni e duplica la disciplina dell’inadempimento. Oltre a violare gli artt. 1218 e 2697 c.c., disattende la stessa riforma della responsabilità sanitaria (l. n. 24 del 2017) la quale ha inteso collocare in ambito extracontrattuale la sola responsabilità dell’ausiliare del debitore, ma in ambito contrattuale la responsabilità della struttura sanitaria pubblica o privata, concedendo anzi al creditore danneggiato un’azione diretta nei riguardi dell’assicuratore del debitore.

LA RESPONSABILITA' CONTRATTUALE SANITARIA NEL SISTEMA DEL DIRITTO DELLE OBBLIGAZIONI

PROCIDA MIRABELLI DI LAURO, ANTONINO
2022

Abstract

Una ricostruzione critica dell’attuale orientamento giurisprudenziale in tema di responsabilità contrattuale sanitaria. La Terza Sezione della Cassazione, non osservando i dicta di due importanti sentenze delle Sezioni unite, e senza rimettere la questione ai sensi dell'art. 374, comma 3, c.p.c., opera un’indebita confusione tra le discipline dell’inadempimento (ex art. 1218 c.c.) e della responsabilità delittuale per colpa (art. 2043 c.c.) e fa gravare sul creditore, pur limitatamente alle obbligazioni di facere professionale, la prova dell’“inadempimento” e del rapporto di causalità materiale con il danno-evento, accollando a questi il rischio della causa incerta e/o ignota. Tale orientamento, censurato dalla quasi totalità della dottrina, frantuma l’unitarietà del diritto delle obbligazioni e duplica la disciplina dell’inadempimento. Oltre a violare gli artt. 1218 e 2697 c.c., disattende la stessa riforma della responsabilità sanitaria (l. n. 24 del 2017) la quale ha inteso collocare in ambito extracontrattuale la sola responsabilità dell’ausiliare del debitore, ma in ambito contrattuale la responsabilità della struttura sanitaria pubblica o privata, concedendo anzi al creditore danneggiato un’azione diretta nei riguardi dell’assicuratore del debitore.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
STUDI VALDRINI 2022 Procida_Mirabelli (1).pdf

accesso aperto

Descrizione: SAGGIO
Tipologia: Versione Editoriale (PDF)
Licenza: Accesso privato/ristretto
Dimensione 2.08 MB
Formato Adobe PDF
2.08 MB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11588/893577
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact