Nel pubblicare il suo trattato dedicato all'Arte della Guerra nel 1521 Machiavelli intese porre una lastra tombale sul secolo dei condottieri, sottolineando le carenze e le insidie di un sistema inefficiente e corrotto che aveva spianato la strada alle invasioni straniere. Nel suo contributo Francesco Storti sottopone a vaglio critico il giudizio espresso dal Segretario sulle armi italiane, mostrandone le falle e le contraddizioni motivate dalle finalità perspicuamente politiche ed etiche dell'opera, che poco o nulla avevano a che fare con la reale prassi guerresca, tanto quella contemporanea al Machiavelli quando la precedente. Un'impostazione politica e ideologica che, supportata dal ruolo assegnato al Segretario dalla storiografia storicista, ha conservato la sua forza per secoli, inibendo la ricerca e sostenendo una visione delle armi italiane del tardo-medioevo e del Rinascimento che continua ad essere accolta nonostante le nuove acquisizioni documentarie e le più recenti e accorte revisioni scientifiche.

Macchine ideologiche e revisionismo di un ceto deprecabile. Machiavelli di fronte alle "arti" della guerra (secoli XIV-XV)

Francesco Storti
2022

Abstract

Nel pubblicare il suo trattato dedicato all'Arte della Guerra nel 1521 Machiavelli intese porre una lastra tombale sul secolo dei condottieri, sottolineando le carenze e le insidie di un sistema inefficiente e corrotto che aveva spianato la strada alle invasioni straniere. Nel suo contributo Francesco Storti sottopone a vaglio critico il giudizio espresso dal Segretario sulle armi italiane, mostrandone le falle e le contraddizioni motivate dalle finalità perspicuamente politiche ed etiche dell'opera, che poco o nulla avevano a che fare con la reale prassi guerresca, tanto quella contemporanea al Machiavelli quando la precedente. Un'impostazione politica e ideologica che, supportata dal ruolo assegnato al Segretario dalla storiografia storicista, ha conservato la sua forza per secoli, inibendo la ricerca e sostenendo una visione delle armi italiane del tardo-medioevo e del Rinascimento che continua ad essere accolta nonostante le nuove acquisizioni documentarie e le più recenti e accorte revisioni scientifiche.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
F. Storti, Macchine ideologiche e revisionismo di un ceto deprecabile.pdf

solo utenti autorizzati

Tipologia: Documento in Post-print
Licenza: Accesso privato/ristretto
Dimensione 1.07 MB
Formato Adobe PDF
1.07 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11588/893129
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact