Usi civici tra tutela e sclassificazione