La conservazione delle superfici lapidee: il caso di S. Chiara a Napoli