L’immaginario sociale della pandemia. Sacro, temporalità e "messa in scena del rischio"