La corte centrale del Palazzo Reale di Capodimonte tra realtà e immaginazione