Claudio Monteverdi tra prisca philosophia e difesa della moderna musica