Il Flash Gordon di Mike Hodges, o l'estetica contraddittoria di un capolavoro osceno