L'autore della Tesi affronta lo studio, del tutto esauriente, svolto presso l'archivio esistente, dell'opera dell'architetto napoletano Carlo Cocchia, operante in Italia sino agli anni novanta e figura di rilievo nell'Ateneo Federiciano. Emerge la personalità eclettica che sceglie comunque, rispetto all'accademismo della propria epoca, il linguaggio sperimentale del modernismo, offrendo in tal modo un significativo contributo alla evoluzione dell'architettura italiana ed altresì all'insegnamento del progetto.

L'ARCHITETTURA DI CARLO COCCHIA. IL PERCORSO E LE ORIGINI

CUOMO, ALBERTO
2004

Abstract

L'autore della Tesi affronta lo studio, del tutto esauriente, svolto presso l'archivio esistente, dell'opera dell'architetto napoletano Carlo Cocchia, operante in Italia sino agli anni novanta e figura di rilievo nell'Ateneo Federiciano. Emerge la personalità eclettica che sceglie comunque, rispetto all'accademismo della propria epoca, il linguaggio sperimentale del modernismo, offrendo in tal modo un significativo contributo alla evoluzione dell'architettura italiana ed altresì all'insegnamento del progetto.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11588/7563
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact