Nel 1732 Alfonso Maria de Liguori fondava la Congregazione del SS. Redentore con l’intento di portare aiuto, con i suoi missionari, nelle periferie dimenticate, maggiormente bisognose di un conforto spirituale. Nel 1749 Benedetto XIV approvava la regola. Le riflessioni che seguono ripercorrono i primi anni di vita della Congregazione fra speranze, successi, fallimenti, facendo ricorso al carteggio del de Liguori ed ai suoi principali interlocutori quali Benedetto XIV, Carlo di Borbone, monsignor Tommaso Falcoia, suor Celeste Crostarosa

«Aiutare l’anime colle missioni nei paesi rurali più abbandonati.» Le origini della Congregazione del SS. Redentore nel carteggio di Alfonso M. de Liguori, in La Compagnia della Storia

marcella campanelli
2019

Abstract

Nel 1732 Alfonso Maria de Liguori fondava la Congregazione del SS. Redentore con l’intento di portare aiuto, con i suoi missionari, nelle periferie dimenticate, maggiormente bisognose di un conforto spirituale. Nel 1749 Benedetto XIV approvava la regola. Le riflessioni che seguono ripercorrono i primi anni di vita della Congregazione fra speranze, successi, fallimenti, facendo ricorso al carteggio del de Liguori ed ai suoi principali interlocutori quali Benedetto XIV, Carlo di Borbone, monsignor Tommaso Falcoia, suor Celeste Crostarosa
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11588/755954
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact