L'autore parte dall'assunto che l'architettura, come il pensiero, non possono non avere avvio nella percezione, e come questa sia poi a sua volta influenzata dal pensiero e dalle cose realizzate. Di qui il doppio binario della analisi delle diverse concezioni, filosofiche, psicologiche, estetiche, fondate sullla elezione della percezione quale dato primario, e dello studio delle metodologie progettuali e delle opere degli architetti in cui l'elemento percettivo appare maggiormente significativo.

ARCHITETTURA E PENSIERO PERCETTIVO

CUOMO, ALBERTO
2004

Abstract

L'autore parte dall'assunto che l'architettura, come il pensiero, non possono non avere avvio nella percezione, e come questa sia poi a sua volta influenzata dal pensiero e dalle cose realizzate. Di qui il doppio binario della analisi delle diverse concezioni, filosofiche, psicologiche, estetiche, fondate sullla elezione della percezione quale dato primario, e dello studio delle metodologie progettuali e delle opere degli architetti in cui l'elemento percettivo appare maggiormente significativo.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11588/7558
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact