Il lavoro prende in esame i problemi che l’art. 230-ter c.c., introdotto dall’art. 1, co. 46, l. n. 76/2016, solleva all’interprete, chiamato ad individuare la ragione per la quale il legislatore ha preferito riconoscere al convivente soltanto parte dei diritti attribuiti dall’art. 230-bis c.c. al coniuge e dei quali beneficia ora anche la parte dell’unione civile.

Comma 46 (commento all'articolo 1, comma 46, legge 20 maggio 2016, n. 76)

ROSSI, Francesco
2017

Abstract

Il lavoro prende in esame i problemi che l’art. 230-ter c.c., introdotto dall’art. 1, co. 46, l. n. 76/2016, solleva all’interprete, chiamato ad individuare la ragione per la quale il legislatore ha preferito riconoscere al convivente soltanto parte dei diritti attribuiti dall’art. 230-bis c.c. al coniuge e dei quali beneficia ora anche la parte dell’unione civile.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Francesco Rossi, sub comma 46 (art. 1, comma 46, legge 20 maggio 2016, n. 76).pdf

non disponibili

Dimensione 821.8 kB
Formato Adobe PDF
821.8 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11588/753794
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact