(Ri)Mediare la morte tra cinema e videogioco