Sugli impossibili margini della conservazione