Come si può distinguere il valore di un uomo? (Euripide, Elettra, vv. 367-385)