«Secolo che ci squarti… secolo che ci incanti». Studi sulla tradizione del moderno