Tra ontologia e fenomenologia. La motivazione come categoria fenomenopatica