Tra patologia e impossibilità. L' "utopia" come infinita mediazione