Si può affermare con Sloterdjik che, dopo Nietzsche, la teoria della verità si trasforma in elemento di una riflessione “metabiologica” allargata. Nella prospettiva della “metabiologia filosofica”, con Nietzsche o dopo Nietzsche, la “verità” si comprende come una funzione dei sistemi vitali che serve al loro orientamento nel mondo e alla loro “autoprogrammazione” culturale, motivazionale e comunicazionale. Qui si insedia il “filosofo-biologo” e si può definitavemente assumere che “le verità” sono dei sistemi immunitari simbolici.

Nietzsche, Sloterdijk e l'edificio verità

Paolo Amodio
2018

Abstract

Si può affermare con Sloterdjik che, dopo Nietzsche, la teoria della verità si trasforma in elemento di una riflessione “metabiologica” allargata. Nella prospettiva della “metabiologia filosofica”, con Nietzsche o dopo Nietzsche, la “verità” si comprende come una funzione dei sistemi vitali che serve al loro orientamento nel mondo e alla loro “autoprogrammazione” culturale, motivazionale e comunicazionale. Qui si insedia il “filosofo-biologo” e si può definitavemente assumere che “le verità” sono dei sistemi immunitari simbolici.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11588/745132
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact