Sulle tracce di una regola equitativa: ‘Patere legem quam ipse tuleris’ tra editto pretorio e riflessioni medievali