L’Ekloge isaurica e gli Slavi: riflessioni sulla continuità in Russia