I cittadini di Atene arcaica del «Crizia» di Platone e l'Evagora dell'«Evagora» di Isocrate offrono a Teocrito un modello per la lode di Ierone: per la poesia di Teocrito che nel mondo ellenistico deve costruire nuovi spazi e nuove relazioni, rielaborando le forme tradizionali, il dialogo di Platone e l'epidittica di Isocrate rappresentano un paradigma utile perché sviluppano tentativi analoghi negli anni di profonda evoluzione dell'Atene del IV secolo

L'utopia della lode: l'influenza letteraria di Platone e Isocrate sull'Idillio XVI di Teocrito

Regali, Mario
2018

Abstract

I cittadini di Atene arcaica del «Crizia» di Platone e l'Evagora dell'«Evagora» di Isocrate offrono a Teocrito un modello per la lode di Ierone: per la poesia di Teocrito che nel mondo ellenistico deve costruire nuovi spazi e nuove relazioni, rielaborando le forme tradizionali, il dialogo di Platone e l'epidittica di Isocrate rappresentano un paradigma utile perché sviluppano tentativi analoghi negli anni di profonda evoluzione dell'Atene del IV secolo
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11588/728109
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact