Il saggio cerca di ricostruire il processo di costruzione e di acquisizione di un’identità poetica da parte del Maestro riconosciuto dell’Umanesimo aragonese a Napoli, Giovanni Gioviano Pontano. Si tratta di un processo di costruzione identitaria che prende le mosse dall’orgogliosa rivendicazione delle origini umbre, che accomunavano il Pontano a Properzio, e che passa poi all’acquisizione di un’identità partenopea, che accomunava invece l’umanista a quello che egli considerava il più grande poeta dell’antichità, Virgilio. Il codice simbolico ed allusivo con cui il Pontano amò definire la sua identità, in rapporto a Napoli e al mito di Parthenope-Sirena, ebbe un significativo Fortleben tra gli intellettuali della sua Accademia a Napoli e fuori del Regno, ma anche tra coloro che a vari livelli lo amarono e lo celebrarono come poeta, filosofo, scienziato, dichiarandosi suoi eredi o semplicemente epigoni. Il saggio si presenta allora come un primo tentativo di sintesi in relazione, anzitutto, alla produzione poetica ed erotico-amorosa del Pontano.

Autoritratti e ritratti di un poeta d’amore del Quattrocento: Giovanni Gioviano Pontano

Antonietta Iacono
2018

Abstract

Il saggio cerca di ricostruire il processo di costruzione e di acquisizione di un’identità poetica da parte del Maestro riconosciuto dell’Umanesimo aragonese a Napoli, Giovanni Gioviano Pontano. Si tratta di un processo di costruzione identitaria che prende le mosse dall’orgogliosa rivendicazione delle origini umbre, che accomunavano il Pontano a Properzio, e che passa poi all’acquisizione di un’identità partenopea, che accomunava invece l’umanista a quello che egli considerava il più grande poeta dell’antichità, Virgilio. Il codice simbolico ed allusivo con cui il Pontano amò definire la sua identità, in rapporto a Napoli e al mito di Parthenope-Sirena, ebbe un significativo Fortleben tra gli intellettuali della sua Accademia a Napoli e fuori del Regno, ma anche tra coloro che a vari livelli lo amarono e lo celebrarono come poeta, filosofo, scienziato, dichiarandosi suoi eredi o semplicemente epigoni. Il saggio si presenta allora come un primo tentativo di sintesi in relazione, anzitutto, alla produzione poetica ed erotico-amorosa del Pontano.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11588/723597
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact