I sistemi urbani con elevata presenza sia di bellezze naturali, sia di testimonianze archeologiche, risultano essere particolarmente vulnerabili in quanto i flussi turistici sovrascrivono le loro esigenze di mobilità a quelle connesse con la natura stessa del sistema città, aumentandone i fenomeni di disagio, inquinamento e congestione. Se dunque il fenomeno del turismo di massa costituisce di per sé un fattore di squilibrio per il sistema urbano, soltanto il “Parco Archeologico”, e non più quindi la semplice “area archeologica”, appare come uno strumento adeguato e complesso per l’uso e la valorizzazione del “giacimento culturale” e per la trasformazione sostenibile del territorio.

IL CASO DEI PARCHI ARCHEOLOGICI

GRIMELLINI, CLAUDIO;CEUDECH, ANDREA
2004

Abstract

I sistemi urbani con elevata presenza sia di bellezze naturali, sia di testimonianze archeologiche, risultano essere particolarmente vulnerabili in quanto i flussi turistici sovrascrivono le loro esigenze di mobilità a quelle connesse con la natura stessa del sistema città, aumentandone i fenomeni di disagio, inquinamento e congestione. Se dunque il fenomeno del turismo di massa costituisce di per sé un fattore di squilibrio per il sistema urbano, soltanto il “Parco Archeologico”, e non più quindi la semplice “area archeologica”, appare come uno strumento adeguato e complesso per l’uso e la valorizzazione del “giacimento culturale” e per la trasformazione sostenibile del territorio.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11588/7129
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact