L'intervento ha avuto ad oggetto l'analisi delle sentenze della Corte di cassazione e della Corte di Strasburgo che hanno attribuito, di fatto, al giudice dell'esecuzione una competenza assolutamente originale ed innovativa di emendare la pena illegale. L'intervento è finalizzato a trarre, dai principi affermati dal Supremo consesso, regole comuni da applicare ai casi non disciplinati dalla legge. Si sono evidenziate le categorie di pene emendabili nel procedimento esecutivo e si è posto rilievo alle incongruenze emergenti dalla lettura delle motivazioni emesse dalla Corte di cassazione sul tema.

I limiti di rilevabilità della pena illegale e prospettive di riforma

Barbara Nacar
2018

Abstract

L'intervento ha avuto ad oggetto l'analisi delle sentenze della Corte di cassazione e della Corte di Strasburgo che hanno attribuito, di fatto, al giudice dell'esecuzione una competenza assolutamente originale ed innovativa di emendare la pena illegale. L'intervento è finalizzato a trarre, dai principi affermati dal Supremo consesso, regole comuni da applicare ai casi non disciplinati dalla legge. Si sono evidenziate le categorie di pene emendabili nel procedimento esecutivo e si è posto rilievo alle incongruenze emergenti dalla lettura delle motivazioni emesse dalla Corte di cassazione sul tema.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11588/711287
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact