CALCIFICAZIONI VASCOLARI: VANNO MONITORATE E TRATTATE E, SE SÌ, COME?