Introduzione. Nell’ottica dello spillover vi è un processo di permeabilità reciproca tra vita lavorativa e privata degli individui. Molti studi hanno evidenziato il ruolo del benessere degli operatori sanitari per il buon funzionamento dell’ospedale, per una migliore relazione con gli utenti, nonché per rafforzare sentimenti di cittadinanza organizzativa, riconoscendo la necessità di individuarne i predittori individuali e organizzativi. Medici e infermieri seppur accomunati da obiettivi di cura e assistenza all’utente si trovano a ricoprire mansioni differenti all’interno dell’organizzazione ospedaliera, come pure ad avere un differente riconoscimento sociale. Obiettivi e Metodi. Il lavoro ha l’obiettivo di indagare le relazioni tra soddisfazione lavorativa e benessere in medici e infermieri, nonché di individuare i relativi predittori considerando l’efficacia collettiva organizzativa, l’appartenenza all’azienda ospedaliera e l’equità percepita e tenendo conto della professione svolta. Sono stati contattati 135 medici e 147 infermieri ospedalieri a cui è stato somministrato un questionario self-report comprendente strumenti di rilevazione delle variabili di interesse validati in italiano. Risultati. Il modello multigroup di equazioni strutturali implementato con il software MPLUS ha evidenziato come equità, efficacia collettiva e senso di appartenenza siano dei forti predittori della soddisfazione lavorativa per entrambi i gruppi. Diversi i risultati per quel che riguarda i predittori del benessere psicosociale e le relazioni tra quest’ultimo e la soddisfazione lavorativa, che differiscono in base al ruolo. Conclusioni. I risultati evidenziano il ruolo di moderatore della professione soprattutto per quel che riguarda le relazione tra vita lavorativa e privata. Verranno discusse le implicazioni di questi risultati anche nell’ottica del work-life balance.

“Benessere organizzativo e benessere psicosociale di medici e infermieri ospedalieri”

CAPONE, Vincenza;PETRILLO, GIOVANNA
2016

Abstract

Introduzione. Nell’ottica dello spillover vi è un processo di permeabilità reciproca tra vita lavorativa e privata degli individui. Molti studi hanno evidenziato il ruolo del benessere degli operatori sanitari per il buon funzionamento dell’ospedale, per una migliore relazione con gli utenti, nonché per rafforzare sentimenti di cittadinanza organizzativa, riconoscendo la necessità di individuarne i predittori individuali e organizzativi. Medici e infermieri seppur accomunati da obiettivi di cura e assistenza all’utente si trovano a ricoprire mansioni differenti all’interno dell’organizzazione ospedaliera, come pure ad avere un differente riconoscimento sociale. Obiettivi e Metodi. Il lavoro ha l’obiettivo di indagare le relazioni tra soddisfazione lavorativa e benessere in medici e infermieri, nonché di individuare i relativi predittori considerando l’efficacia collettiva organizzativa, l’appartenenza all’azienda ospedaliera e l’equità percepita e tenendo conto della professione svolta. Sono stati contattati 135 medici e 147 infermieri ospedalieri a cui è stato somministrato un questionario self-report comprendente strumenti di rilevazione delle variabili di interesse validati in italiano. Risultati. Il modello multigroup di equazioni strutturali implementato con il software MPLUS ha evidenziato come equità, efficacia collettiva e senso di appartenenza siano dei forti predittori della soddisfazione lavorativa per entrambi i gruppi. Diversi i risultati per quel che riguarda i predittori del benessere psicosociale e le relazioni tra quest’ultimo e la soddisfazione lavorativa, che differiscono in base al ruolo. Conclusioni. I risultati evidenziano il ruolo di moderatore della professione soprattutto per quel che riguarda le relazione tra vita lavorativa e privata. Verranno discusse le implicazioni di questi risultati anche nell’ottica del work-life balance.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11588/670980
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact