Il testo dell'Onomasticon di Polluce giunto a noi è un'epitome in dieci libri, posseduta dal dotto bizantino Areta di Cesarea. Anche nei secoli successivi il lessico, come avveniva abitualmente per un testo di scuola, fu soggetto a rielaborazioni: in alcuni manoscritti, segnalati dall'editore Erich Bethe , sono tramandati alcuni excerpta. In questa sede prenderemo in esame alcune glosse di Polluce con un riferimento al testo offerto dall'Excerptum presente nel Vat. gr. 12, un codice databile alla fine del XIV secolo .

Annotazioni al testo dell'Onomasticon di Polluce

CONTI BIZZARRO, FERRUCCIO
2016

Abstract

Il testo dell'Onomasticon di Polluce giunto a noi è un'epitome in dieci libri, posseduta dal dotto bizantino Areta di Cesarea. Anche nei secoli successivi il lessico, come avveniva abitualmente per un testo di scuola, fu soggetto a rielaborazioni: in alcuni manoscritti, segnalati dall'editore Erich Bethe , sono tramandati alcuni excerpta. In questa sede prenderemo in esame alcune glosse di Polluce con un riferimento al testo offerto dall'Excerptum presente nel Vat. gr. 12, un codice databile alla fine del XIV secolo .
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11588/660921
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact