Cibo per gli occhi: il banchetto come dispositivo teatrale nel «Decameron»