Vivarelli, Lord Acton e l’interpretazione Whig della storia