L'oggetto della relazione è rappresentato dall'esame di costituzione di Zenone del 483 d.C., la quale stabilì un divieto generale di esercitare il monopolio. La normativa punì con la medesima pena, infatti, sia le concessioni di vendita esclusiva di un bene da parte dello Stato, sia le cd. pratiche monopolistiche private. La lex configurò, in tal modo, un nuovo crimen extraordinarium, il crimen monopolii.

Alle origini del crimen monopolII

CAPONE, PIERA
2015

Abstract

L'oggetto della relazione è rappresentato dall'esame di costituzione di Zenone del 483 d.C., la quale stabilì un divieto generale di esercitare il monopolio. La normativa punì con la medesima pena, infatti, sia le concessioni di vendita esclusiva di un bene da parte dello Stato, sia le cd. pratiche monopolistiche private. La lex configurò, in tal modo, un nuovo crimen extraordinarium, il crimen monopolii.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
LOCANDINASCALA.pdf

accesso aperto

Licenza: Dominio pubblico
Dimensione 126.69 kB
Formato Adobe PDF
126.69 kB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11588/645549
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact