Jacob Burckhardt: l'uso “privato” della storia e i compiti della Kulturgeschichte