Nel tentativo di costruzione di un’antropologia filosofica in grado di rinnovare il segno della relazione tra corpo e psiche come ordine dinamico-affettivo e sistema di preferenze dell’individuo, Max Scheler aveva fatto ricorso a un’espressione agostiniana, ordo amoris. Il manoscritto scheleriano del 1916, pubblicato dopo la sua morte, reca appunto direttamente il titolo Ordo amoris. Ed è altrettanto noto che, al di là dell’intenzione originaria del filosofo tedesco, la “seconda” lettura del testo è stata spesso indirizzata a individuare i tanti luoghi “agostiniani” di quell’ordine. Tale lettura è quanto meno da rifinire, perché anche al di là dei riferimenti diretti a Pascal, l’Agostino di Scheler sembra coincidere con l’Agostino di Pascal se non addirittura con Pascal stesso.

SCHELER E PASCAL: UNA PRATICA FENOMENOLOGICA TRA ORDO AMORIS E ORDRE DU COEUR

AMODIO, PAOLO
2016

Abstract

Nel tentativo di costruzione di un’antropologia filosofica in grado di rinnovare il segno della relazione tra corpo e psiche come ordine dinamico-affettivo e sistema di preferenze dell’individuo, Max Scheler aveva fatto ricorso a un’espressione agostiniana, ordo amoris. Il manoscritto scheleriano del 1916, pubblicato dopo la sua morte, reca appunto direttamente il titolo Ordo amoris. Ed è altrettanto noto che, al di là dell’intenzione originaria del filosofo tedesco, la “seconda” lettura del testo è stata spesso indirizzata a individuare i tanti luoghi “agostiniani” di quell’ordine. Tale lettura è quanto meno da rifinire, perché anche al di là dei riferimenti diretti a Pascal, l’Agostino di Scheler sembra coincidere con l’Agostino di Pascal se non addirittura con Pascal stesso.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
ordo.pdf

non disponibili

Tipologia: Versione Editoriale (PDF)
Licenza: Accesso privato/ristretto
Dimensione 310.32 kB
Formato Adobe PDF
310.32 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11588/637340
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact