Agostino-Montaigne-Pascal-Port-Royal a proposito della “libido sciendi” e della sua metamorfosi in seno alla cultura seicentesca tra i libertinismi. Pascal e talune esperienze tra il religioso e il mistico, di contro al veto agostiniano dei tre modi della “libido” come molla del pensare e del vivere. “Vulgata” vuole che se in Agostino – ma la cosa diviene persino più rigida a Port-Royal – la “curiosità” fosse il peccato che conduceva al sapere inautentico (e Bossuet vorrà ribadirlo con vigore nel suo Trattato della concupiscenza), nella cultura libertina, sulla scia di Montaigne e del suo “essayer” il mondo nel senso del vero e proprio “gustare”, non si trattava neanche più di un eventuale punto di partenza di un sapere, bensì di un vero e proprio compito e di un diletto: ancor più che plaisir de connaître, “libido sciendi” si ritraduceva in bonheur de connaître. Molla del pensare e dell’indagare, insomma; di più, ciò che stuzzicava le “curiosità” della libido sciendi era proprio la possibilità di squadernare l’atmosfera di favola e di impostura che produce ogni credenza e ogni dottrina (o anche il clima politico-ideologico che l’ha imposta).

Pascal, Port-Royal (e Montaigne)

AMODIO, PAOLO
2014

Abstract

Agostino-Montaigne-Pascal-Port-Royal a proposito della “libido sciendi” e della sua metamorfosi in seno alla cultura seicentesca tra i libertinismi. Pascal e talune esperienze tra il religioso e il mistico, di contro al veto agostiniano dei tre modi della “libido” come molla del pensare e del vivere. “Vulgata” vuole che se in Agostino – ma la cosa diviene persino più rigida a Port-Royal – la “curiosità” fosse il peccato che conduceva al sapere inautentico (e Bossuet vorrà ribadirlo con vigore nel suo Trattato della concupiscenza), nella cultura libertina, sulla scia di Montaigne e del suo “essayer” il mondo nel senso del vero e proprio “gustare”, non si trattava neanche più di un eventuale punto di partenza di un sapere, bensì di un vero e proprio compito e di un diletto: ancor più che plaisir de connaître, “libido sciendi” si ritraduceva in bonheur de connaître. Molla del pensare e dell’indagare, insomma; di più, ciò che stuzzicava le “curiosità” della libido sciendi era proprio la possibilità di squadernare l’atmosfera di favola e di impostura che produce ogni credenza e ogni dottrina (o anche il clima politico-ideologico che l’ha imposta).
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11588/635884
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact