Ius humanum: la ‘generazione’ antica dei diritti umani?