Discussione del seminario di G. Esposito: C'era due volte l'auto italiana