This innocent word: il Trimmer tra moderazione e opportunismo